PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           PHOTOGRAPHY BY LEONARDO SCOTTI           

ABOUT

IL PROGETTO

Nextones è un festival internazionale di musica, arti audiovisive e ricerca. Il festival si svolge nel suggestivo territorio della Val D’Ossola, avendo come punto cardine Tones Teatro Natura, una cava di granito dismessa, ora trasformata in uno spazio permanente per la cultura immerso nel verde. Nextones 2021 ha luogo dal 27 luglio al 01 agosto e prevede lecture, presentazioni, passeggiate, workshop e performance musicali site-specific di alcuni degli artisti e ricercatori più interessanti del panorama contemporaneo.

Il festival internazionale incorporerà lo spirito di ricerca e di indagine sul territorio di Before and After 2020 alla sua tradizionale identità sperimentale nel campo dell'arte audiovisiva e di musica elettronica. Nextones diventa così un festival anfibio, ovvero dalla duplice natura, dove di giorno si esplora il territorio per inserire Tones Teatro Natura nel tessuto locale, mentre di notte sarà lo stesso Teatro ad ospitare gli spettacoli di contaminazione elettronica e a riunire la comunità.

TONES TEATRO NATURA

Tones Teatro Natura è il nuovo grande progetto di Tones on the Stones che, attraverso un percorso di riqualifica ambientale, trasforma l’ex sito industriale di Cava Roncino in un Teatro permanente immerso nella natura. L’ex Cava di Gneiss si trova nella località di Oira, una piccola frazione della Val D’Ossola, tra boschi, vigneti terrazzati e antichi borghi in pietra. Il paesaggio circostante evidenzia quanto la storia del territorio sia profondamente legata all’estrazione della pietra, alla sua lavorazione evidente nell’ampio uso nell’architettura rurale. Un patrimonio storico, economico e culturale che Tones on the Stones ha sempre cercato di raccontare e valorizzare.
La conversione dello spazio industriale in Luogo della Cultura è pensata soprattutto a favore delle nuove generazioni, con l’obiettivo di essere un gate aperto al mondo e favorire lo scambio di idee, progetti e visioni inclusive e coraggiose. In un momento storico che ha rivelato tutte le fragilità del sistema urbano e mentre tutti i teatri nel mondo sono rimasti chiusi per oltre un anno, costruire un Teatro nella Natura è sembrata una sfida estremamente motivante oltre che rappresentare un’opportunità di rilancio per un territorio di grande bellezza e a forte vocazione turistica.

PROGRAM

27.07 — 01.08 2021
27.07
Martedì
SARA BERTS presents Ayni live
@Ghesc

Ayni è l’immersivo ep di debutto di Sara Berts, produttrice e compositrice torinese, che presenterà a Ghesc, un borgo medievale di otto edifici precedentemente abbandonati. Ayni è ispirato da un senso di redenzione e guarigione, sviluppato durante i mesi trascorsi nella foresta amazzonica peruviana nel 2019 e durante il primo lockdown del 2020. I field recordings della foresta amazzonica e le sonorità del Buchla Easel di Ayni dialogheranno con il complesso di case nascosto tra le montagne e la vegetazione del Ghesc, creando una senso di armonia e pace.

LISTEN TO gangofducks.bandcamp

28.07
Mercoledì
TOMOKO SAUVAGE Waterbowls live
@Orridi di Urezzo

Attraverso elementi primordiali amplificati dalla tecnologia, animati da gesti rituali ma giocosi, il lavoro di Tomoko Sauvage contempla, accorda e si connette sia con il materiale che con l’immateriale mantenendo un fragile equilibrio tra casualità e padronanza.
Negli ultimi dieci anni, Sauvage ha lavorato alla creazione di un “sintetizzatore naturale” di sua invenzione – waterbowls – combinando acqua, ceramica e idrofoni (microfoni subacquei). Ciotole di porcellana, gocce d’acqua, onde e bolle così come feedback idrofonici ed elettronica sono gli ingredienti principali del suo strumento, i quali generano un timbro scultoreo e fluido. Saranno queste le basi della performance che presenterà a Nextones, esplorando ed interagendo con gli spazi, l’umidità, la temperatura degli Orridi di Urezzo.

LISTEN TO o-o-o-o.org

FELICITY MANGAN & Radio Safari

La sound artist Felicity Mangan e Radio Safari collaborano ad un progetto site specific per Nextones, analizzando l’ecosistema del fiume Toce che ospita il festival, ed esplorando i metodi e le tecnologie dell’ascolto.

LISTEN TO felicitymangan.org

LISTEN TO www.radiosafari.eu

29.07
Giovedì
SHERPA presents: Collettivo Vendül with MICHELE COMI

Michele Comi è un geologo e guida alpina, facilitatore di esperienze in montagna e ideatore di percorsi di apprendimento in natura, cui affianca la partecipazione a vari progetti di comunicazione, divulgazione culturale, scientifica e sportiva a favore di un turismo alpino consapevole. E’ fondatore del collettivo Vendül nel quale è responsabile dell’area esperienze in natura.

Il workshop che presenterà a Nextones sarà un elogio all’insicurezza, per vivere ogni momento all’insegna dell’incerto e della sorpresa, per chi desidera migliorare le proprie capacità di percezione entro i contesti mutevoli della montagna.

Un cammino per facilitare l’incontro con luoghi ancora integri della montagna, favorire adattamenti, migliorare le nostre conoscenze, contemplare la natura e i suoi abitanti, intesi come un sistema complesso, dotato di equilibrio, grazia e consonanza, da cui discendono anche il nostro benessere e la nostra salute.

Adatto a escursionisti con buona abitudine al cammino ma soprattutto predisposti alla scoperta e con spirito di adattamento; difficoltà escursionistica E (per sentieri o tracce).

LISTEN TO www.sherpa-gate.com

30.07
Venerdì
PANTHA DU PRINCE presents Conference of Trees live
@Tones Teatro Natura

Nel suo ultimo esperimento musicale “Conference of Trees” Hendrik Weber aka Pantha Du Prince traduce la comunicazione degli alberi in un impressionante viaggio sonoro. Che suono fanno gli alberi quando comunicano? Questa è la domanda a cui il compositore tedesco, produttore di musica elettronica e artista concettuale Pantha Du Prince cerca di rispondere nel suo ultimo album, “Conference of Trees”, che presenterà per la prima volta in Italia nella cornice di Tones Teatro Natura.

“Conference of Trees” porta in tutte le sue tensioni melodiche un’importante critica sociale. Vengono affrontate le implicazioni di come interagiamo con la natura e il nostro rapporto distruttivo con i nostri ecosistemi.. Tenendo questa ‘conferenza’, Pantha Du Prince dà voce agli alberi, una voce che raramente riconosciamo nei nostri attuali sistemi di diritti, e con questa voce gli alberi diventano non i giganti silenziosi del nostro mondo, ma comunicatori attivi e saggi.

Gli strumenti che Pantha du Prince userà in “Conference of Trees” sono fatti a mano dall’artista stesso, che ha voluto esplorare le caratteristiche sonore dei diversi legni attraverso studi intensivi del materiale. Il live sarà supportato da un ensemble di percussioni composto da Håkon Stene e Bendik Hovik Kjeldsberg, che hanno già partecipato al suo ultimo progetto di ensemble The Bell Laboratory, e Manuel Chittka, batterista dell’artista tedesco Jungstötter.

LISTEN TO panthaduprince.com

31.07
Sabato
LUBOMYR MELNYK & SPIME.IM feat. JULIA KENT presents The End Of The World live world premiere
@Tones Teatro Natura

The End Of The World è una performance multimediale innovativa che coinvolge il pianista ucraino Lubomyr Melnyk, la violoncellista canadese Julia Kent e il collettivo torinese SPIME.IM, che verrà presentato in prima mondiale presso Tones Teatro Natura. The End Of The World è una celebrazione della sua bellezza ma soprattutto, come suggerisce il titolo, una drammatica rappresentazione artistica del disastro ecologico che il nostro pianeta sta affrontando e della condotta autodistruttiva del genere umano.

Il progetto nasce dall’omonimo brano per pianoforte composto da Melnyk nel 2018, con l’idea di estenderlo e dare forma a un’opera più completa, monumentale e collaborativa, in cui ogni sezione è in grado di offrire molteplici direzioni acustiche rispetto al concept principale. In seguito a un lungo periodo di composizioni solitarie, Melnyk ha unito gli elementi sonori naturali caratteristici del suo pianoforte agli arrangiamenti elettrici e acustici di Julia Kent e ai timbri digitali del collettivo SPIME.IM, che ha integrato il tutto con interazioni virtuali.

The End Of The World sarà un’esperienza immersiva di grande impatto anche grazie ai controller indossabili, ovvero guanti-sintetizzatori personalizzati sviluppati da Remidi, utilizzati da SPIME.IM per l’interazione audiovisiva con il suono e le immagini. Queste ultime sono realizzate in base a parametri e dataset sull’attuale cambiamento climatico e sugli eventi ambientali.

More info: https://www.theendoftheworld.eu

ADIEL djset
@Tones Teatro Natura

Adiel, DJ e producer italiana, concluderà la serata presso Tones Teatro Natura con uno dei suoi set ipnotici, dove motivi melodici, atmosfere inquietanti e affascinanti ritmi in 4/4 coesisteranno in una sorta di comunione estatica. Artista internazionale, resident del Goa di Roma fondatrice della label Danza Tribale, ha collaborato con artisti del calibro di Donato Dozzy e Marcel Dettmann.

01.08
Domenica
Tamburi Neri presents Odissea del Ritmo extended djset
@Ghesc

La giornata conclusiva del festival vedrà l’intervento di Tamburi Neri, progetto basato sui racconti creati dalla lucida follia di Andrea Barbieri e la composizione musicale di Claudio Brioschi, i quali condividono lo stesso amore per la musica, la sperimentazione e la ricerca di nuove sonorità. I due hanno profili artistici e background musicali diversi, ma sono complementari nella composizione musicale e nella direzione artistica. Il loro extended dj set offrirà un lungo vortice di emozioni e poesia che animerà il villaggio.